Come gestire la tensione in gara

Impara a gestire la tensione

La mente umana, probabilmente una delle creazioni più complesse e misteriose che esistano. Probabilmente, uno dei fattori più difficili da allenare.

La “testa” rappresenta il terzo elemento fondamentale della “performance” ottenuta, oltre a preparazione fisica ed alimentazione. Potremmo affermare, che la prestazione atletica in generale, è il risultato di questa relazione:

Prestazione = Allenamento x Alimentazione x Convinzione

Se una delle tre componenti è vicina a zero, azzererà anche le altre due. Potrei essere allenato alla perfezione (es. valore supposto 100), potrei aver seguito una discreta alimentazione (es. valore supposto 70) ma se non sono per niente convinto o non riesco a gestire bene la tensione pre-gara (es. valore supposto 0) il risultato della prestazione sarà (100x70x0) pari a zero!

Risulta fondamentale pertanto comprendere che non basta seguire una tabella di allenamento, non basta alimentarsi correttamente, è altrettanto fondamentale raggiungere la corretta convinzione e “status mentale” per ottenere il risultato sperato.

tensione in gara

Injersdesigns marsupio per uomini e donne con cintura regolabile per allenamento vacanza escursioni sicuro per marsupio porta chiavi, telefono e denaro durante il viaggio o corsa, C0325Z, Approximate Size: "21 X 13 X 9"cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,47€


Come allenare la testa

Viene quindi da chiedersi, come possiamo migliorare la nostra convinzione? Come possiamo imparare a gestire l’ansia da prestazione?

E’ bene comprendere che se non siamo disposti a trovare una risposta a queste domande, raggiungere un obiettivo nello sport, come nella vita di tutti i giorni, risulterà molto difficile. Purtroppo per il fattore “Convinzione”, non esiste una strada semplice ed univoca da percorrere e soprattutto è bene chiarire che lo stato di questa componente della performance non è il risultato di un giorno di lavoro, ma deriva da piccole azioni ripetute quotidianamente.

“Piccole azioni ripetute quotidianamente”

Questo è probabilmente il vero segreto del successo. Pensiamo ad un bambino, per diventare grande, forte e sano ha bisogno di ricevere ogni giorno i giusti nutrienti. Non possiamo pensare che sia sufficiente alimentarlo una volta a settimana, lo stesso vale per la mente umana; un prodotto della natura ha bisogno di essere alimentato ogni giorno per ottenere un risultato di spessore e duraturo nel tempo.

Cosa possiamo fare ogni giorno per alimentare la nostra “sete” di convinzione? Quali sono le AZIONI sufficientemente semplici e pratiche da poter essere attuate tutti i giorni anche se la “nostra lista degli impegni” non ha nemmeno uno spazio libero?

    Guidare la mountain bike. Tecnica di base e nozioni evolute. Gestione dei percorsi e della gara

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,48€
    (Risparmi 0,42€)


    Il pensiero positivo

    think positive Prima regola cardine: Il pensiero positivo!

    E’ stato dimostrato come un’esposizione quotidiana a notizie negative (telegiornali, ecc.), lamentele (parlare male di colleghi, parlare della crisi, ecc.) e scusanti, non facciano altro che alimentare il pessimismo. Questo pessimismo, comporta uno stato mentale chiuso, poco produttivo e poco efficace ad affrontare situazioni dove il “resistere 30 secondi in più o mollare” possono fare la differenza tra una vittoria o una sconfitta.

    Pertanto, le principali AZIONI fondamentali da compiere per migliorare il NOSTRO pensiero positivo sono:

    - Limitare la visione di trasmissioni e notiziari con notizie che alimentino il pessimismo e la negatività;

    - Non lamentarsi continuamente della crisi, dei colleghi o altro, ma piuttosto sforzati a trovare soluzioni;

    - Poniti un obiettivo, un sogno raggiungibile e pensalo ogni volta che sei demoralizzato o ti stai dimenticando il perché dei tuoi sforzi quotidiani;

    - Leggi e/o guarda per 5 minuti al giorno un libro o un video che alimenti il TUO pensiero positivo. Un libro molto utile per iniziare è “The Secret” Libro di Rhonda Byrne. Forse, uno dei pochi libri che vale davvero la pena di leggere!

    Se seguirai queste semplici regole potrai migliorare notevolmente la tua predisposizione ad intraprendere in gara e nella vita di tutti i giorni quelle AZIONI che faranno la differenza tra chi ci riesce davvero e chi ci prova soltanto.


    Come gestire la tensione in gara: Passare all'azione

    Seconda regola cardine: “Passa all’azione”.

    Ricorda sempre che non c’è risultato senza AZIONE! Ora che hai compreso l’importanza del pensiero positivo, sappi che esistono tre AZIONI fondamentali da compiere prima di ogni gara per migliorare notevolmente la propria convinzione e limitare al massimo la tensione pre-gara. Se vuoi scoprire quali sono queste AZIONI specifiche, ti invito a scaricare l’ebook gratuito “The Week before Running” e di leggere attentamente il

    QUINTO CAPITOLO Grazie mille per la vostra attenzione.

    Johnny Moretto



    COMMENTI SULL' ARTICOLO