Terme in umbria

Le terme in Umbria: Acquasparta

Le terme in Umbria sono conosciute e apprezzate da secoli. Note fin dall'epoca degli antichi romani, le diverse sorgenti rappresentavano un vanto per una regione che, pur essendo lontana dal mare, possedeva risorse d'acqua altamente benefiche per tutti. Le Terme di Acquasparta, a 21 km da Terni, si trovano ai piedi di un colle di travertino e tufo. Attive dai primi del '900, le locali sorgenti Amerino, a nord della città, sono conosciute anche come Terme di San Francesco perché si narra che il santo le benedisse durante una visita. L'acqua oligominerale fredda è utilizzata soprattutto per l'imbottigliamento e per la cura idropinica, cioè bevendola, di patologie del fegato e delle vie biliari, dall'apparato digerente e urinario. Attiguo allo stabilimento di produzione ha sede un gradevole parco a disposizione degli ospiti. Le terme sono state frequentate anche da personaggi come Gabriele D'Annunzio ed il conte Borromeo di Milano.
Acquasparta: le Terme di Amerino

Tantrikabhidhanakosa III: Dictionnaire Des Termes Techniques De La Litterature Hindoue Tantrique / A Dictionary of Technical Terms from Hindu Tantric ... Zur Terminologie Hinduistischer Tantren

Prezzo: in offerta su Amazon a: 87,26€


Le terme a Città di Castello: Fontecchio e Cappuccini

Le Terme di Città di Castello, centro della Val Tiberina, si trovano a 54 km da Perugia tra colline dalle linee sinuose. Sono famose sin dal I secolo d.C., quando Plinio il Giovane e la sua signora Calpurnia erano soliti frequentarle. Le attuali ed eccellenti Terme di Fontecchio, a soli 3 km da Città di Castello, si distinguono per l'edificio in stile neoclassico che le ospita, creato dall'architetto Calderini. alle tradizionali cure termali il centro associa vari servizi medici e centri benessere. Ad una distanza di 500 m si trova la fonte dei Cappuccini, aperta più di recente. L'acqua di Fontecchio, bicarbonato-alcalino-sulfurea, sgorga a 17°C e l'acqua dei Cappuccini, carbonato-calcico-magnesiaca, ha una temperatura di 16°C. Le patologie curate comprendono quelle circolatorie, della pelle, dell'apparato respiratorio. Tra le altre innumerevoli cure abbiamo bagni, idromassaggio, fanghi, medicina estetica e riabilitazione.

    PHITOFILOS - Brio Spuma Tenuta Morbida - Perfetta per Capelli Ricci e Mossi - Con proteine di Soia - Piega Effetto Naturale Lunga Durata - Naturale, Vegan e Made in Italy - 150 ml

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€


    Massa Martana: Terme di San Faustino

    Terme di Fontecchio a Città di Castello Tra le altre terme in Umbria a 57 km da Perugia sono situate quelle di Massa Martana, alle pendici degli omonimi Monti Martani, un antico centro fortificato di origini romane sulla Via Flaminia. Le fonti di San Faustino, sulle rive del torrente Naia, si trovano 5 km a sud della città, nei pressi di un'abazia benedettina del XII secolo. L'acqua minerale fredda bicarbonato-alcalino-terrosa con fluoro e litio, diuretica, ha una temperatura di 14,8°C ed è anche utilizzata per bagni e fanghi, oltre che per le cure idropiniche. Le patologie trattate sono quelle del fegato, della cute, dell'intestino, dell'apparato urinario e locomotore. Inoltre l'acqua della sorgente San Faustino fornisce calcio altamente biodisponibile. La struttura alberghiera annessa offre servizi di alta qualità tra cui trattamenti benessere ed antistress, cosmesi, massaggi, e fitness.


    Terme in umbria: San Gemini e Spello

    Costruita su una rocca a controllo della Via Flaminia, a 13 km da Terni, San Gemini è diventata famosa per l'acqua omonima. Le virtù terapeutiche dell'acqua della fonte Sangemini comprendono un'ampia letteratura scientifica. È molto apprezzata per la cura idropinica delle malattie del ricambio e dell'apparato urinario, del fegato e dei dotti biliari, dell'apparato digerente. Dalla fonte Fabia l'acqua oligominerale sgorga a 13°C e dalla fonte Sangemini a soli 10°C. Entrambe sono del tipo bicarbonato-calcico. Tra le altre terme in Umbria, alle falde del Monte Subasio, il centro di Spello esprime le sue origini romane più di ogni altro luogo nella regione. L'acqua sulfurea bicarbonato-alcalino-terrosa nasce dalla fonte San Felice a 13,5°C è impiegata per la cure di patologie cardiovascolari, respiratorie, dermatologiche, muscolari ed otorinolaringoiatriche.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO