Le piste da sci nere più famose d'italia

Le piste da sci nere più famose d'Italia: dal Veneto alla Valle d'Aosta

Tra le piste da sci nere più famose d'Italia rientra Fodoma, situata in Veneto e facente parte delle Dolomiti. Già il primo muro si presenta come un ostacolo tutt'altro che agevole; a renderlo ancora più difficile da affrontare è il fatto che, in molte occasioni, risulti coperto da uno strato di ghiaccio.

È seguito da un tratto in falsopiano, che conduce ad un secondo muro, pronto a portare gli sciatori a valle. In totale, il percorso raggiunge i 2,8 km di lunghezza, mentre il dislivello complessivo è di 800 metri.

Sempre in Veneto, a Cortina d'Ampezzo, si trova la panoramica pista Olympia, divenuta famosa per aver ospitato diverse gare di Coppa del Mondo di discesa libera femminile. Lunga 3 km, e con un dislivello di 700 metri, ha nella parte iniziale il suo punto più difficile. Ad entusiasmare gli sciatori è soprattutto il muro, da affrontare a tutta velocità tra due barre di rocce.

piste da sci nere

Bazaar Plastica bambini bordo sci d'erba ispessimento scorrevoli piatto slitta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,93€


Le piste Nera 3, Little Grizzly e Franco Berthod

Un altro tracciato famosissimo si trova nel cuore della Val Gardena, in Alto Adige. La pista "Nera 3" arriva alle porte di Santa Caterina e, come accaduto per la Olympia, è stato oggetto di diverse discese libere di Coppa del Mondo. Prende il via dal Ciampinoi in modo dolce ma, ben presto, le pendenze iniziano a salire vertiginosamente (si arriva a 2.200 metri di altezza) e, contemporaneamente, il tracciato si allarga. Si tratta di una vera e propria cavalcata mozzafiato, nella quale curve difficili si alternano a falsopiani.

In Trentino si trova la pizza Little Grizzly che, già dal nome, rende ben chiaro quello che attende gli sciatori. Pur trattandosi di un tracciato corto (850 metri di lunghezza su un dislivello di 250 metri), si rivela molto impegnativo. A colpire, in modo particolare, è la partenza dal canalone, la cui pendenza media raggiunge il 69,4%. Successivamente tende ad addolcirsi, ma rimane impegnativo fino alla fine.

Continuando a descrivere le piste da sci nere più famose d'Italia, la Valle d'Aosta propone la pista Franco Berthod, che si fregia del titolo di pista più ripida del nostro Paese, con una pendenza massima pari al 73%. A richiedere nervi saldi e grandi capacità tecniche sono il ghiaccio, quasi sempre presente, e il fatto che l'intero tracciato sia in ombra.

  • panoramica del territorio di Arabba Frazione di Livinallongo del Col di Lana, Arabba sorge in uno scenario naturale splendido tra le Dolomiti. Si trova all'altezza del primo tratto del Cordovole a 1.602 metri sul livello del mare, nella...
  • Piste da sci e montagne a Passo Rolle Il valico alpino del Passo Rolle, posto a 1.984 m di altitudine in provincia di Trento, collega San Martino di Castrozza, nella Val di Primiero, con la Val di Fiemme e altre valli delle Dolomiti. La l...
  • Paesaggio innevato di Oltre il Colle Oltre il Colle sorge in Lombardia, a 37 chilometri a nord di Bergamo, al confine con la Val Serina e la Val del Riso. Infatti, come si capisce dal nome, per raggiungere il paese da entrambi le valli è...
  • pista da sci a Leukerbad Leukerbad, nel Canton Vallese in Svizzera, offre splendide vacanze attive, con sport invernali ed estivi, e massimo rilassamento alle celebri terme. Gli impianti di risalita della Gemmi o di Torrent p...

CASCO DA SCI PER BAMBINO AZZURRO CON DISEGNI OMOLOGATO EN1077 FISI SCI ALPINO, SLITTINO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 45€


La pista di Trametsch

pista nera Quelle appena presentate sono solo alcune tra le piste da sci nere più famose d'Italia. Il nostro Paese ne offre molte altre, in grado di attirare nella stagione invernale un gran numero di appassionati di sci. Ad esempio la Trametsch, a Bressanone, non solo è la pista più lunga dell'Alto Adige, ma si conferma una delle più impegnative in virtù di una pendenza massima che raggiunge il 65%.

Il suo inserimento tra le piste nere è dovuto soprattutto al tempo necessario per completarla, che richiede un'ottima preparazione tecnica ed atletica. Parte da Plose e prosegue inizialmente in modo morbido, permettendo agli sciatori di godere di un panorama unico avente per oggetto il Gruppo delle Odle.

Una volta entrati nella zona boschiva, bruschi cambi di pendenza e curve che appaiono all'improvviso aumentano notevolmente il livello di difficoltà.


Le piste da sci nere più famose d'italia: Herrnegg, Erta, Gran Risa e Torre di Pisa

Plan de Corones vedeva come pista principale la Sylvester. La realizzazione della Herrnegg ha messo a disposizione degli sciatori un nuovo banco di prova.

A progettarla è stato un protagonista sugli sci come Bernhard Russi. La pendenza massima del 68%, una lunghezza di ben 5 chilometri, un dislivello di 270 metri (partendo da 2270 metri di altezza) e l'attraversamento di diversi boschi la rendono estremamente affascinante.

Erta è una pista ospitata da San Vigilio di Marebbe, in Alto Adige. 1610 metri da percorrere a rotta di collo per un dislivello che supera i 440 metri.

Sono 23 anni che la pista Gran Risa, in Alta Badia, ospita lo slalom gigante maschile della Coppa del Mondo. Una pendenza massima del 53%, e 1225 metri di discesa vertiginosa, l'hanno portata ad essere l'oggetto del desiderio di un numero crescente di sciatori.

È una guglia delle Dolomiti ad aver dato il nome alla Torre di Pisa, una pista che si trova in Val di Fiemme. Anche in questo caso le pendenze sono importanti (59%), e la lunghezza supera i 1500 metri.

Infine, in Val Camonica si trovano due tra le piste da sci nere più famose d'Italia: il Passo Paradiso (che scende al Tonale) e il Corno d'Aola, a Ponte di Legno.



COMMENTI SULL' ARTICOLO