Racchette da neve

Caratteristiche generali delle racchette da neve per escursionismo

Le racchette da neve hanno la funzione di permettere di camminare agevolmente sulla neve fresca, grazie all'aumento dell'area calpestata dal piede. Sono utilizzate soprattutto nell'escursionismo invernale e sono conosciute anche come "ciaspole". Esse si portano sulle scarpe, consentono di non affondare né scivolare nel manto nevoso e si usano generalmente insieme a bastoncini, simili a quelli impiegati nello sci, per facilitare la spinta.

Possono essere diverse in base alla dimensione e alla forma, ai materiali, al prezzo, al percorso e all'attività, alla frequenza d'uso, al peso corporeo dell'utilizzatore ed alla presenza di specifiche parti accessorie. Le racchette lunghe sono indicate per la camminata in pianura mentre in pendenza sono più adatte quelle corte. Le racchette sono dotate di ramponcini di metallo nella parte inferiore per equilibrare il movimento, avere maggiore presa sulla neve e controllare la frenata in discesa.

Due escursionisti con racchette da neve ai piedi

Powder Ridge – Racchette da neve da uomo Crest Series, Uomo, Schneeschuhe Crest Series, blu/grigio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,95€


Materiali e parti essenziali delle racchette per escursionismo

Attualmente le racchette sono realizzate in alluminio oppure in materiale plastico. Le prime sono molto comode e resistono alle temperature ridotte. Sono ideali per muoversi su lunghe pianure innevate piuttosto che in alta montagna. Le racchette in plastica sono invece proprio indicate per le zone montane con temperature non troppo gelide. Sono versatili, consentono un'ottima presa sul terreno coperto di neve e sono perfette per le Alpi.

Le racchette moderne sono il risultato di tecnologie avanzate e possono essere dotate di accessori come l'alzatacco. Quest'ultimo è molto utile nelle lunghe salite e permette di diminuire lo sforzo dei polpacci alzando il tallone di circa 10°. I ramponi sono essenziali soprattutto sulla neve compatta e dura. Devono essere presenti artigli frontali e vari ramponcini più eventualmente delle lame.

  • Ciaspolata notturna Sono sempre di più le località di montagna che scelgono di offrire ai propri visitatori la possibilità di effettuare una ciaspolata notturna. Di solito si tratta di pacchetti che comprendono, oltre al...

Racchetta da neve ALPIFLEX 25 in svariati colori con borsa di Alpidex, Colore:Flexi-Pink

Prezzo: in offerta su Amazon a: 79,99€


Altri particolari tecnici delle racchette da neve

escursione di gruppo in montagna con la racchette da neve Che siano prodotte con uno stampo di materiale composito o che abbiano un telaio in alluminio con zona d'appoggio in poliuretano o neoprene, le racchette da neve sono dotate di attacchi snodabili che permettono una camminata naturale. In commercio di trovano modelli con snodo regolabile in base al terreno sul quale ci si sposta. L'attacco per lo scarpone deve essere avvolgente e preciso per evitare che l'attrezzo scivoli via durante l'uso. Sono preferibili gli attacchi a cremagliera.

La calzatura più adatta per indossare le racchette è la scarpa da trekking ed occorre inoltre uno specifico abbigliamento da montagna, comprese le ghette che non permettono alla neve di entrare tra il piede e la scarpa. Quando si scelgono le racchette non bisogna cercare di risparmiare troppo evitando quindi di acquistare un modello poco funzionale e poco resistente che non consente di godersi l'escursione in montagna.


Racchette da neve: Precauzioni durante le escursioni in inverno con le ciaspole

I percorsi semplici con le ciaspole possono essere fatti da escursionisti di ogni età senza la necessità di allenamenti particolari. I tragitti del trekking estivo più complessi richiedono invece un minimo di preparazione fisica. L'escursione invernale in montagna, con un clima che può cambiare improvvisamente, deve essere effettuata con l'aiuto di una guida alpina, a meno che non si sia degli esperti. È sempre possibile correre il rischio di una valanga e bisogna conoscere bene la zona o saper leggere una carta topografica, l'altimetro, la bussola e informarsi sulle previsioni meteorologiche. È sempre consigliabile studiare l'itinerario in anticipo e quando si percorrono zone rischiose è bene saper usare l'ARVA (apareil de recherche de victimes en avalance), importante per cercare eventuali escursionisti travolti, insieme alla pala e alla sonda.



COMMENTI SULL' ARTICOLO