Monte pione

Monte di Pione e le caratteristiche del suo territorio

Monte di Pione è un rilievo dell'Appennino emiliano, a sud della provincia di Parma: il territorio si caratterizza per paesaggi meravigliosi e incontaminati, aria pura e numerose sorgenti d'acqua. Le possibilità offerte al turista sono molte e coprono un raggio decisamente ampio: si va dal semplice relax a contatto con la natura fino alla possibilità di praticare trekking, percorrere gli itinerari in mountain bike alla scoperta di borghi caratteristici, fare passeggiate a cavallo oppure alpinismo e arrampicate. Tra l'altro molti sentieri (alcuni prevedono anche escursioni guidate) possono essere percorsi sia in estate che in inverno. Nella stagione invernale, poi, è possibile anche sciare: basta recarsi nella vicina stazione di Schia. Molto importante è l'enogastronomia, il cui protagonista principale in autunno è il fungo porcino.
Vista panoramica del paese di Bardi

NG Biliardi Tavolo multigioco GIOVE 10 in 1 - aste telescopiche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 235€


Bardi e di Pione, cosa vedere

Monte di Pione dà il nome anche a un'omonima frazione del comune di Bardi, da cui dista circa 14 chilometri. Pione sorge a 650 metri di altezza sulla riva sinistra del torrente Porcellana, che costeggia le pendici del monte, e a pochi chilometri dal confine tra le province di Parma e Piacenza. Interessante da visitare è l'antica chiesa di Pione, dedicata a Santa Maria Assunta, ricostruita ai primi dell'Ottocento sulla precedente costruzione cinquecentesca. Al suo interno sono custoditi alcuni dipinti di scuola piacentina e l'Addolorata col Cristo morto realizzata da Roberto De Longe. L'ultima domenica di giugno di ogni anno si celebra nella Cappella del bosco (all'interno del bosco di Pione) la Festa della Madonna di Loreto. A Bardi, invece, non si può mancare di visitare il Castello, dove durante tutto l'anno si tengono giornate a tema medievale con rappresentazioni storiche. Inoltre la visita al Castello può diventare facilmente un'escursione geologica e naturalistica dello sperone su cui sorge.

  • Trekking a cavallo La montagna e la natura si possono vivere ed esplorare in molti modi differenti e la soluzione del trekking a cavallo è senza dubbio un modo originale e unico per ritrovare dei tempi tranquilli e per ...
  • comprensorio sciistico di Folgarida Nata nel 1965 come stazione sciistica, la località di Folgarida è riuscita a svilupparsi notevolmente negli anni successivi, accrescendo il numero di impianti ed attrezzature adibite all'attività scii...
  • fiume Aniene presso il monte Livata Il monte Livata fa parte dei Monti Simbruini, posti al confine fra le regioni del Lazio e dell’Abruzzo, una delle principali dorsali appenniniche dell’Italia centrale; la sua vicinanza con la capitale...
  • Le vacanze in bicicletta Sembra tutto scontato quando si intende andare in vacanza: organizziamo il viaggio in aereo o prendiamo la macchina, soprattutto se ci vogliamo recare in luoghi non particolarmente distanti.Ma perch...

NG Biliardi Tavolo multigioco GIOVE 10 in 1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 225€


Cosa fare a Monte di Pione in estate

Gli impianti di risalita dell'Appennino Monte di Pione e il suo territorio sono il luogo ideale per praticare il trekking ed escursioni naturalistiche. Molto importante è l'Anello della Val di Ceno, che unisce con un unico sentiero diversi borghi del territorio, tra cui Bardi, Pellegrino Parmense, Varsi, Bore, Solignano, Fornovo di Taro,Valmozzola e le Valli del Cero e del Taro. In pratica, interessa tutti i comuni della Valceno, creando un percorso ad anello per un totale di 37 itinerari (4 per ogni Comune) in un territorio ancora in buona parte incontaminato. A Bardi si possono percorrere l'Anello del Carameto (lungo quasi 9 chilometri ed effettuabile sia a piedi che in mountain bike); il percorso in mountain bike che da Bardi passa per Chiesa Bianca, Gazzo e La Pescheria per ritornare in paese (lungo 26 chilometri); il percorso di trekking intorno al Castello; l'itinerario in mountain bike attraverso la Val Tincina e la Val Noveglia, lungo 24 chilometri.


Monte pione: Dove sciare sull'Appennino emiliano

Per chi fosse un appassionato di sci è bene sapere che da Monte di Piano e dal suo territorio è facile raggiungere la stazione sciistica di Schia, che sorge alle pendici del vicino monte Caio. Il centro è dotato di piste per un totale di 15 chilometri e tre impianti di risalita, tra cui una moderna seggiovia biposto. In particolare, il comprensorio Pian della Giara ospita percorsi adatti a qualunque livello di preparazione ed è servito dallo skilift di Prato Grosso. Le piste sono Prato dei pomi, San Matteo, Castagna e Pilano. Invece il comprensorio Pian delle Guide viene consigliato per chi preferisce praticare lo snowboard oppure lo sci alpinismo. Allo stesso modo la stazione sciistica è molto frequentata da chi ama il fuoripista. Le piste sono sempre raggiungibili attraverso lo skilift di Prato Grosso e sono Guerdola, Montelungo, Varmania, Ore 2 e Parmossino.



COMMENTI SULL' ARTICOLO