Bicicletta pieghevole

Una bicicletta pieghevole è facile da trasportare

Negli ultimi anni, un po’ per le strade congestionate dal traffico, un po’ per via del costo della benzina, un po’ per una maggiore consapevolezza legata al rispetto per l’ambiente, sempre più persone preferiscono andare a lavorare con mezzi di trasporto alternativi all’automobile. Spesso, tuttavia, i mezzi pubblici, anziché facilitare il pendolarismo, lo rendono una avventura tutt’altro che piacevole, a volte una vera e propria "mission impossible". In molti casi i pendolari farebbero volentieri parte del tragitto in bicicletta in modo da evitare lunghe attese, code chilometriche e luoghi affollati e maleodoranti. Tuttavia le biciclette tradizionali non sono accettate nelle metro o in tutte le cabine dei treni. La bicicletta pieghevole, invece, può salire su qualsiasi mezzo risolvendo il problema delle lunghe distanze. Inoltre, essendo la bici pieghevole facilmente trasportabile nel bagagliaio di qualsiasi automobile, anche delle più piccole utilitarie, non è un’ottima compagna soltanto per andare a lavoro, ma si rivela preziosa anche per una bella gita domenicale o una vacanza all’insegna del relax.
bicicletta pieghevole in stazione

Moma Bikes, Bicicletta pieghevole, ruote da 20" Shimano, Alluminio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 175,68€
(Risparmi 124,32€)


Una bicicletta pieghevole si può conservare in un piccolo spazio

Il problema principale di chi desidera una bicicletta ma abita in città, è che spesso non ha un posto dove conservarla. Pochissime, in città, sono le case con garage o con uno spazio apposito per custodire oggetti di questo genere. Inoltre molti palazzi arrivano anche fino a dieci piani e le biciclette non entrano negli ascensori e sono troppo pesanti e ingombranti da trasportare per tutte quelle scale. Il risultato è che chi possiede una bicicletta a scanso di tutti questi inconvenienti, è costretto a lasciarla per strada, incustodita, con il rischio di non ritrovarla più il giorno dopo. La bicicletta pieghevole anche in questo caso, rappresenta il giusto compromesso tra la necessità di avere un mezzo a due ruote e la mancanza di spazio. Una volta piegata, questa tipologia di bici, diventa davvero poco ingombrante e può essere conservata in qualsiasi posto della casa, in un piccolo sgabuzzino, in un armadio, su un balconcino e persino sotto il letto. Inoltre la bicicletta pieghevole entra facilmente in qualsiasi ascensore quindi d’ora in poi l’unica fatica sarà quella di pedalare in salita!

  • Bici pieghevole vintage degli anni Settanta La prima bici pieghevole fu inventata da un inglese nel 1878, ma solo nel 1896 fu brevettato il cosiddetto Faun, una bici il cui telaio poteva essere piegato nel mezzo: lo stesso procedimento utilizza...
  • trattamento benessere Quando vi sentite stanchi o stressati, l'unico desiderio che avete è quello di potervi rilassare, anche solo per poche ore, con la speranza di rigenerare corpo e mente.Ma spesso non è possibile che ...
  • Claviere Le piste di Claviere, al centro del comprensorio della Via Lattea, sono ogni anno meta di migliaia di sciatori che le apprezzano per lo scenario incantevole offerto dalle Alpi Occidentali e dei boschi...

Frejus Norwich bicicletta pieghevole, 20'', Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 124,98€


La bicicletta pieghevole è sempre più comoda e pratica

Bicicletta pieghevole riposta in un armadio Fino a pochi anni fa, la bicicletta pieghevole presentava diversi svantaggi che ne rendevano limitata la diffusione. Uno dei disagi principali era legato alla procedura di piegamento della bici stessa. Questa azione richiedeva molto tempo e specie nei modelli più economici, non era affatto agevole. Svitare le giunture poste in mezzo alla canna e a metà del manubrio richiedeva molto tempo, molta forza nelle braccia e soprattutto un buon controllo delle ruote. Questa operazione rendeva difficoltoso qualsiasi spostamento che richiedesse dei tratti da effettuare con treni e metropolitane poiché bisognava fermarsi in luoghi affollati e di passaggio. Un altro inconveniente da non sottovalutare era il prezzo. Non esistevano modelli a buon mercato. Le pieghevoli meno costose erano comunque molto più care rispetto alle tradizionali. Oggi, invece, esistono sia modelli superiori, full optional, per veri amanti del genere, che valgono tutta la spesa, sia modelli più abbordabili e perfettamente efficienti, dotati di tutte le caratteristiche necessarie. Sono facili da trasportare, leggere, veloci e pratiche da piegare, e hanno comode sacche da trasporto.


Bicicletta pieghevole: Consigli utili per l’acquisto di una bicicletta pieghevole

Anche se quasi tutti i modelli sono validi, quando si decide di acquistare una bicicletta pieghevole, ci sono molti aspetti da valutare attentamente. Innanzi tutto bisogna chiedersi che uso si vuole fare della bici una volta comperata. Per un utilizzo occasionale che preveda passeggiate nel weekend e spostamenti non giornalieri, i modelli base andranno benissimo. Per i lavoratori pendolari che puntano sulla pieghevole come mezzo di trasporto, è importante che la bici sia leggera, maneggevole, e da piegare con velocità. Esistono modelli economici che si piegano e aprono in meno di un minuto e alcuni modelli di marca che ci impiegano ancora meno. Se si vogliono percorrere lunghe distanze è fondamentale scegliere una bicicletta pieghevole dotata di rapporti. Un buon cambio è fondamentale, soprattutto se ci sono tratti in salita. Infine, l’ultimo consiglio è legato all’aspetto delle pieghevoli. La bici pieghevole ha un’anatomia molto particolare con ruote piccoline che la rendono simile a una bici per bambini. Molte persone la scartano proprio a causa di questo aspetto un po’ bizzarro, poichè pensano sia scomoda. Naturalmente non è così, ma basta provarla per ricredersi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO